Gruppo Leader
La qualità del servizio
News

“Sul Cammino della Sostenibilità” - Studio dell'impatto sul territorio del turismo in camper


“Sul Cammino della Sostenibilità”

Uno studio dell’impatto sul territorio del turismo in camper a cura dell’Università di Pisa e in collaborazione con l'Associazione Europea Via Francigena


L'Organizzazione Mondiale del Turismo definisce i prodotti turistici sostenibili "quelli che agiscono in armonia con l'ambiente, la comunità e le culture locali, in modo tale che questi siano i beneficiari e non le vittime dello sviluppo turistico." In quest'ottica il turismo con i Veicoli Ricreazionali (VR) può sicuramente inserirsi in quest'ambito.

Il gruppo Leader, dedito da anni allo sviluppo del turismo all'aria aperta con particolare attenzione ai VR, ha deciso di supportare questa tesi con uno studio  commissionato all'Università di Pisa dipartimento di Ingegneria . Basandosi su le esperienze precedenti dello studio tedesco Oko Istitute (dove è stato concluso che il turismo con i VR pro capite, emette il 270% in meno di CO2 di un turismo auto + hotel) ed altre esperienze anglosassoni, lo studio sperimentale si baserà sull'elaborazione dei dati di emissioni di CO2, vedi la scheda allegata, raccolti dai camperisti del camper club “La Granda” Italia e da tutti coloro  che vorranno partecipare, con la finalità di definire in maniera inequivocabile l'alta sostenibilità del turismo con i VR.

I risultati verranno messi a conoscenza delle pubbliche amministrazioni e della stampa anche non di settore ,nonché divulgati fra i camperisti stessi che in questo modo verranno resi consapevoli e si faranno quindi promotori con i VR, del turismo, sostenibile e responsabile. Tale argomentazione scientifica, unita a dati di spesa nel territorio , vuole richiamare l'attenzione sul turismo all'aria aperta con i VR per farne crescere l'accoglienza sul territorio .

Se le amministrazioni locali diverranno consce che il turismo con i VR è in linea con gli obiettivi futuri del turismo a bassissimo impatto ambientale proposti dalla comunità europea e dalle organizzazioni turistiche mondiali cambieranno il proprio modo di pensare e saranno più disponibili verso il nostro settore. Non solo: attraverso la diffusione di questi dati molte persone inizieranno a vedere il turismo all'aria aperta non come una forma di turismo "povero" ma come un modo di fare vacanza in maniera ecologica, sostenibile e di crescita culturale  con ritorni in termini economici per il territorio e il nostro settore.

La raccolta dati terminerà il 30 luglio 2014 a conclusione del viaggio del camper club “La Granda” Italia lungo la via francigena da Canterbury a Roma 

I risultati conclusivi verranno presentati durante la fiera del camper 2014 

SCARICA COMUNICATO STAMPA, SCHEDA, E PAGINA PUBBLICITARIA IN FORMATO PDF

,



Download PDF

« TORNA ALL'ELENCO